Loading..

Banca dati quesiti

Cerca

25 giugno 2021

buongiorno rag. Cava
per l'anno 2015 ho accertato alcuni contribuenti IMU per i quali è emersa la seguente situazione
- decesso del decuius 05/02/2001, il decuius non aveva figli
- da ispezione ipotecaria, risulta presentata in data 09/12/2003, dichiarazione di successione n. 58 con numero di registro generale e particolare, nella quale risultano i nominativi e le quote del fratello e dei nipoti del decuius. In catasto l'immobile risulta ancora a nome del decuius e del coniuge deceduto precedentemente;
Alcuni dei nipoti, presentano richiesta di annullamento dell'atto, con la motivazione che la presentazione della successione non determina un'accettazione tacita dell'eredità (citano anche le sentenze nri 6479/2002 - 2849/1992 - 8053/2017 e 22017/2016 della corte di Cassazione). Continuano sostenendo che l'esercizio del diritto di accettazione dell'eredita' è temporale e limitato e che a norma dell'art. 480 C.C. l'accettazione si prescrive in dieci anni.
In conclusione, essendo trascorsi più di dieci anni dal decesso del decuius, e non avendo mai manifestato la volontà di accettare l’eredità, non avendo mai esercitato il possesso e/o alcuna signoria in relazione all'immobile in questione, chiedono che l'atto venga annullato.
Alla luce di tutto ciò, in base a quale riferimento normativo può essere accolta o rigettata l'istanza di riesame?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 giugno 2021

Un coppia civilmente coniugata e con figli (in regime di separazione dei beni) risiede in un immobile per il quale solo il marito risulta catastalmente proprietario al 100%.
Successivamente la moglie acquista un altro immobile sito nello stesso comune, ne diventa unica proprietaria per la quota del 100%, e vi trasferisce la residenza.
E’ corretto riconoscere entrambe le unità immobiliari come abitazioni principali, quindi esenti dal pagamento dell’IMU?
Grazie per l'attenzione
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 giugno 2021

Si porta all'attenzione di Finanza Locale il seguente quesito
Il curatore fallimentare contatta l'Ufficio tributi per versare Imu pregressa dalla data dell'apertura della procedura, 2013.
Non ha presentato nel 2014 dichiarazione Imu.
Presenta nel 2021 la dichiarazione tardiva relativa al 2013.
Si chiede se il 2015 sia accertabile da parte dell'ufficio. Le annualità 2016/2020 possono essere versate dal curatore in ravvedimento operoso?
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 giugno 2021

Buongiorno, il Comune ha approvato ad aprile il nuovo regolamento Tari, già dando atto delle modifiche intervenute nel codice ambientale in merito alla nuova classificazione dei tributi. Non abbiamo però a suo tempo previsto nulla circa la possibilità delle utenze non domestiche di uscire dal servizio pubblico. Secondo lei tale integrazione è opportuno farla necessariamente entro il 30 giugno oppure, considerato che l'applicabilità di tale disciplina è slittata al 2022, posso integrare il regolamento anche più avanti? Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

23 giugno 2021

Buon giorno, un collega stamane mi parlava di una proroga richiesta da ANCI e concessa al 31/07/2021 per la scadenza del 30 giugno sulle tariffe tari, avete indicazioni su tale circostanza?
Grazie
Cari Saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

22 giugno 2021

Entro il 30 giugno il Consiglio Comunale dovrebbe approvare le tariffe TARI 2021, l’amministrazione comunale vorrebbe applicare una percentuale di agevolazione a tutte le utenze non domestiche utilizzando parte del fondone 2020 (non utilizzato) e i fondi TARI 2021 come stimati da IFEL
si chiede
- con riferimento all’art. 6 del D.L. 73/2021, se si possono accordare agevolazioni tariffarie indistintamente a tutte le categorie di utenze non domestiche a prescindere dal codice ATECO, e dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività;
- Se le attività a carattere stagionale che nel nostro Comune sono le più numerose e che godono già di una riduzione del 30%, possono usufruire dell’agevolazione;
- Se occorre che i soggetti beneficiari delle agevolazioni presentino richiesta per ottenere tale beneficio, o basta la deliberazione del Consiglio Comunale.
In attesa di riscontro Vi saluto cordialmente.

Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

21 giugno 2021

Buona Sera, mi si è presentato oggi il seguente caso, la moglie di un contribuente è venuta a dichiararmi che suo marito stava pagando per conto dello zio, un'area fabbricabile che era passata a lui dal 2007.
Nella procedura risultava un'area fabbricabile ancora intestata allo zio deceduto. Dopo la verifica degli estremi catastali l'unica corrispondenza trovata è quella con un terreno agricolo, ma di fatto anche l'ufficio tecnico sostiene che l'area in questione è un lotto di zona PIP industriale che il marito usa come parcheggio per i mezzi della sua attività. Possiamo considerare come rendita del terreno il prezzo di cessione del lotto pari al valore di mercato dell'area, anche se in catasto è terreno agricolo?
Grazie
Cordiali Saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

21 giugno 2021

BUONGIORNO,
LA CONCESSIONE DI EVENTUALI AGEVOLAZIONI TARI A SEGUITO DELLE RESTRIZIONI COVID-19 FINANZIATE CON IL CONTRIBUTO STATALE SONO DA CONFIGURARSI COME AIUTI DI STATO?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

18 giugno 2021

E' OBBLIGATORIO CONCEDERE AGEVOLAZIONI TARI ALLE UND A SEGUITO DELLE CHIUSURE PER IL CONTESTO EMERGENZIALE CAUSATO DAL COVID-19??
GRAZIE
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

18 giugno 2021

Richiamandomi al precedente quesito ove si chiedeva in merito alla potestà del comune di imporre il pagamento delle pubbliche affissioni pur non garantendo il servizio, avrei necessità di capire, più nel dettaglio, la potestà impositiva dell'ente in materia di annunci mortuari. Trovo infatti una risoluzione del ministero delle finanze (7/6126 DEL 28/9/1994) la quale prevede che sugli annunci mortuari, stante l'assenza di rilevanza economica, nulla è dovuto per l'affissione, salva l'ipotesi in cui il servizio non sia reso dal Comune. Se però ora il comune non garantisce più il servizio pubbliche affissioni, i manifesti mortuari possono essere appesi dalle agenzie funebri liberamente o il Comune può richiedere il pagamento a titolo di pubbliche affissioni appellandomi al fatto il manifesto mortuario venga affisso in determinati spazi comunali?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

18 giugno 2021

Buongiorno, il nostro Comune ha sempre provveduto, negli anni, ad affidare il servizio pubbliche affissioni. Nello specifico si affidava la sola affissione ma non la riscossione. Quest'anno, a fronte delle novità normative, si stava pensando di non garantire più questo servizio e non procedere nemmeno all'appalto (giunto a scadenza). In questo caso, le agenzie funebri, per i manifesti mortuari sono tenute al versamento del tributo sulle affissioni, considerato che comunque vanno ad utilizzare gli spazi - impianti messi a disposizione del Comune, oppure nulla devono? Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 giugno 2021

Fabbricato categoria C03 acquistato nell’anno 2016. Nello stesso fabbricato risulta residente dalla data di acquisto un nucleo familiare composto da 5 componenti. Come ci si deve comportare ai fini IMU?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.
  • 3
  • 4
  • 5(current)
  • 6
  • 7
Banca dati quesiti pubblici
Quesiti resi pubblici
Accedendo al portale è possibile consultare oltre 3.000 risposte a quesiti che gli Uffici tributi hanno posto a Finanza Locale, con modalità di ricerca, anche per tematiche, semplici e immediate.
Quando la normativa genera più quesiti su una particolare fattispecie o quando il quesito sollevato è ritenuto di specifico interesse per il tema affrontato, Finanza Locale rende pubblico il quesito e  il relativo parere.
Le domande sono rese pubbliche in forma spersonalizzata senza, quindi, indicare il comune che ha posto il quesito.
Finanza Locale Management S.r.l.

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01541190508 e-mail: flm@finanzalocale.net | tel: 050/8754055

Finanza Locale Partnership S.r.l

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01629890508 e-mail: flm@finanzalocale.net | tel: 050/8754055

Ultimi Tweets da @FinanzaLocale