Loading..

Banca dati quesiti

Cerca

03 dicembre 2021

Buongiorno, il nostro Ente intende approvare il Bilancio di previsione entro il 31 dicembre, ma ancora la ditta che gestisce il servizio di rifiuti non ci ha comunicato il Pef grezzo, si chiede pertanto se fosse possibile approvare le tariffe e validare il Pef uguale al 2021 e successivamente modificarli con una variazione di Bilancio.
Cordiali saluti.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

02 dicembre 2021

Buongiorno...a seguito di separazione ad un coniuge è stato assegnato l'immobile in cui viveva con il marito. Tale immobile era di proprietà per il 50% del marito e per l'altro 50% del cognato. A nostro parere di fatto con l'assegnazione dell'immobile, e con la costituzione del diritto di abitazione a favore del coniuge, anche il cognato ( comproprietario del restante 50%) non è più soggetto passivo IMU e pertanto non deve pagare il tributo. E' corretta la nostra interpretazione? Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

01 dicembre 2021

buona sera Dr. Cava, sto procedendo con gli accertamenti TARI per infedele dichiarazione relativa alla superficie dichiarata. Devo effettuare l'accertamento esecutivo? La ringrazio, buona serata
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

01 dicembre 2021

La società Spesa intelligente SPA (Eurospin) che svolge nel nostro Comune attività di commercio al dettaglio di prodotti alimentari e non alimentari ( come risulta nella visura della Camera di commercio - con codice ATECO 47.11.3) chiede che ai fini dell'applicazione della TA.RI. venga attribuita all'utenza il codice attività - A/25 - Generi alimentari, pane e pasta,.... (tariffa 2021 € 5,95/mq).
L'ufficio scrivente, nel passaggio da TARSU a TARES, aveva attribuito alla stessa il codice A/28 - Ipermercati di generi misti (tariffa 2021 € 10,35/mq); tale classificazione è stata confermata anche per la TARI, dal 2014 a tutt'oggi.
La richiesta della società contribuente è quella di applicare il codice A/25 e di ricalcolare la TA.RI anche per le annualità trascorse (con conseguente rimborso degli importi versati in eccedenza).
Una nuova valutazione potrebbe farci ritenere più coerente e corretta la classificazione dell'attività in A/26 - Plurilicenze alimentari e miste (tariffa 2021 € 9,48/mq), in considerazione del fatto che gli articoli oggetto di vendita non sono solo alimentari ma anche piccoli e grandi elettrodomestici, accessori, arredi, fiori e piante , ecc.
Si chiede cortesemente un parere in merito
Cordiali saluti

Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

01 dicembre 2021

Buongiorno Dott. Cava, un contribuente a cui l'ente ha notificato avviso di accertamento per Imu 2016 paventa la possibilità di ricorrere in Commissione Tributaria per il seguente motivo: a suo avviso l'immobile, nel 2016 era da considerarsi abitazione principale, nonostante lui abbia perfezionato la residenza solo nel 2017, anno in cui , a seguito di pubblicazione di testamento olografo, è venuto a conoscenza del fatto di essere l'unico erede di tale immobile. Ritiene pertanto di non aver potuto perfezionare prima la variazione di residenza non sapendo, nel 2016, di essere erede. A mio avviso tale eccezione pare priva di fondamento, non potendo, un cambio di residenza, produrre effetto retroattivo, però, volendo evitare il ricorso, volevo la sua opinione in merito, magari indicandomi i riferimenti normativi possano aiutarmi, oltre alla definizione di abitazione principale, che rimane a mio avviso dirimente rispetto a tutta la questione. Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

30 novembre 2021

Buongiorno,
in riferimento ad immobili di categoria D, da quando decorre l'efficacia della rendita catastale variata il 06/06/2016 ai sensi della legge 208/2015 art. 1 comma 22?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

30 novembre 2021

NELLA DELIBERA DI APPROVAZIONE DELLE ALIQUOTE E' PREVISTA UNA ALIQUOTA RIDOTTA PER "IMMOBILI LOCATI". SPETTA L'ALIQUOTA RIDOTTA ANCHE SE INVECE L' IMMOBILE E' STATO DATO IN COMODATO?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

25 novembre 2021

IN DATA 04/03/2020 è PERVENUTO DECRETO DEL TRIBUNALE DI MILANO CONTENENTE MISURE DI PREVENZIONE - PROCEDIMENTO NEI CONFRONTI DI UN SOGGETTO TITOLARE DI UNA IMMOBILIARE CHE HA DIVERSI IMMOBILI SUL NOSTRO TERRITORIO. DA DECRETO, QUESTI DAL 2019 SOSPENDONO IL PAGAMENTO DEI TRIBUTI FINO ALLA FIN E DELLE MISURE DI SEQUESTRO IMPEGNADOSI A PAGARE A CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO DI CONFISCA. ORA SONO NELLA FASE PROPEDEUTICA ALL'ACCERTAMENTO 2019. DEVO NOTIFICARE L'ACCERTAMENTO O DEVO SOLO ATTENDERE LA CONCLUSIONE DEL LORO PROCEDIMENTO?
RINGRAZIO E PORGO CORDIALI SALUTI
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

25 novembre 2021

Egregio dott. Cava..il nostro Comune ha emesso un avviso di accertamento per omesso versamento per un immobile categoria A2 con annotazione di ruralità. Il proprietario, imprenditore agricolo, pur non avendo presentato ricorso in commissione tributaria, ha richiesto in autotutela l'annullamento dell'atto in quanto a suo parere l'inserimento dell' annotazione di ruralità sarebbe sufficiente per rendere esente l'immobile, pur essendo di categoria A2. Noi abbiamo rigettato la richiesta, argomentando che solo gli immobili rurali ad uso strumentale sono esenti da IMU; nel suo caso abbiamo invece un immobile rurale ad uso abitativo utilizzato come punto d'appoggio e solo nel caso in cui cosi come stabilito nella lettera f) dell’art.9, comma 3 bis, del D.L. 557/93 tale immobile fosse stato destinato ad abitazione dei dipendenti esercenti attività agricole nell’azienda a tempo indeterminato o a tempo determinato per un numero annuo di giornate lavorative superiore a cento, assunti in conformità alla normativa vigente in materia di collocamento, avremo potuto considerarlo strumentale. Abbiamo operato correttamente nel verificare il rispetto del requisito di cui sopra oppure l'annotazione di ruralità è sufficiente per considerare strumentali e quindi esenti anche gli immobili ad uso abitativo di categoria A. Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

25 novembre 2021

Egregio dott. Cava il nostro ufficio deve procedere all'emissione degli avvisi di accertamento TARI per omesso /parziale versamento relativo all'annualità 2017. Abbiamo inviato solo l'avviso di pagamento bonario e non abbiamo mai inviato sollecitI.
Vorremmo procedere , in aderenza a quanto abbiamo stabilito nel regolamento, direttamente con l'emissione dell'avviso di accertamento dando la possibilità però al contribuente che effettua il pagamento entro 60 giorni di pagare l'importo senza sanzioni e interessi, vista la mancata notifica del sollecito. Nell'avviso di accertamento avremo pertanto due prospetti. Nel primo prospetto indicheremo l'importo da pagare entro i gg.60 senza sanzioni e interessi, nell'altro invece indicheremo l'importo con sanzioni, interessi ed ulteriori oneri per il quale si procederà alla riscossione coattiva in casi di mancato pagamento entro il termine dei 60 giorni. A Vostro parere il suddetto modo di operare è corretto ?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 novembre 2021

Il 30 novembre verrà approvato il bilancio nel mio Comune. Non avendo ancora a disposizione il PEF per l'anno 2022 posso deliberare di approvare le tariffe TARI 2021 anche per il 2022 e poi riapprovarle appena ci arriva il PEF oppure non faccio niente ed automaticamente si riconfermano quelle del 2021 fino ad approvazione di quelle definitive ?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 novembre 2021

Buonasera Dott. Cava, le pongo il seguente quesito: diverse attività commerciali presenti all'interno del Comune - nello specifico bar e ristoranti - utilizzano anche degli spazi esterni (pedane o parte della strada) incrementando con ciò il numero dei posti a sedere. A fronte di una contestazione presentata, mi chiedevo se, ai fini della determinazione della superficie calpestabile valida ai fini Tari, l'Ufficio possa addebitare non solo quella risultante dalle planimetrie prodotte, ma anche aggiungere i mq utilizzati con pedane o dove insistono dei tavoli, in quanto maggiori spazi le attività hanno a disposizione, maggiori consumatori possono ospitare e di conseguenza è plausibile una maggior produzione di rifiuti. Posso secondo lei aumentare la superficie tassabile in questi termini? Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.
  • 15
  • 16
  • 17(current)
  • 18
  • 19
Banca dati quesiti pubblici
Quesiti resi pubblici
Accedendo al portale è possibile consultare oltre 3.000 risposte a quesiti che gli Uffici tributi hanno posto a Finanza Locale, con modalità di ricerca, anche per tematiche, semplici e immediate.
Quando la normativa genera più quesiti su una particolare fattispecie o quando il quesito sollevato è ritenuto di specifico interesse per il tema affrontato, Finanza Locale rende pubblico il quesito e  il relativo parere.
Le domande sono rese pubbliche in forma spersonalizzata senza, quindi, indicare il comune che ha posto il quesito.
Finanza Locale Management S.r.l.

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01541190508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Finanza Locale Partnership S.r.l

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01629890508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Ultimi Tweets da @FinanzaLocale