Loading..

Banca dati quesiti

Cerca

17 febbraio 2022

Questo Ente nel 2017 ha emesso e notificato avviso di accertamento IMU anno 2012 per parziale versamento all’ erede di un imprenditore agricolo deceduto nel 2016.
Nell’ elenco degli immobili oltre ai terreni agricoli (con le riduzioni) vi erano anche degli immobili D10 (mai presenti nelle dichiarazioni) , per questi ultimi non avendo riscontro dell’effettivo utilizzo degli stessi , in quanto il proprietario era si iscritto ma non svolgeva direttamente l’attività agricola, sono stati tassati con l’aliquota altri fabbricati.
L’accertamento in questione, ricevuto nei termini dall’erede, non è mai stato pagato ne “contestato” fino ad oggi, infatti solo a seguito della notifica della cartella del ruolo coattivo da parte dell’Agenzia Entrate e riscossione, si è presentato nell’Ufficio tributi per presentare verbale reclamo.
L’erede sostiene che l’attività era presente se pur non condotta dal parente, ci sarebbero infatti fatture oltre a dichiarazioni dei redditi.
L’ufficio sostiene che il reclamo non si possa presentare adesso per l’accertamento IMU 2012 ma eventualmente andava richiesto il riesame nei 60 giorni decorrenti al notifica, presentando appunto istanze e documentazione inerente l’attività svolta.
Si chiede:
Qualora oggi l’erede protocolli istanza di reclamo per l’accertamento IMU 2012 e anche per gli anni successivi, divenuti anche questi definitivi, può questo ufficio rivedere la situazione debitoria sgravando l’imposta applicata su i D10 non dovuta (forse)?
Se si dovessero riscontrare errori di valutazione/calcolo anche per gli accertamenti successivi, sarebbe opportuno da parte dell'ufficio procedere a rettifica o annullamento dell'accertamento anche se abbondantemente fuori termine?
In caso di diniego quali argomentazioni vanno presentate all’erede?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

17 febbraio 2022

BUONGIORNO,
ABBIAMO RICEVUTO UN RICORSO-RECLAMO DA PARTE DELL'AVVOCATO DI UN CONTRIBUENTE A CUI SONO STITI EMESSI ALCUNI ATTI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVO IMU CON CUI CHIEDE L'ANNULLAMENTO DI DETTI ATTI IN QUANTO L'IMMOBILE A CUI FANNO RIFERIMENTO, PUR ESSENDO CATASTALMENTE INTESTATI AL CONTRIBUENTE, NON SONO PIU' SUOI DAL 1990.
CONTESTA AL NOSTRO UFFICIO TRIBUTI LA MANCATA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO SOTTOLINEANDO CHE, PRIMA DI EMETTERE GLI ATTI L'UFFICIO NON DOVEVA LIMITARSI AD EFFETTUARE LA SOLA VISURA CATASTALE, LA QUALE, SECONDO L'AVVOCATO E' VALEVOLE SOLO AI FINI FISCALI, MA DOVEVA EFFETTUARE LA VISURA IPOTECARIA DA CUI POTEVA FACILMENTE RILEVARE CHE L'IMMOBILE ERA STATO VENDUTO NEL 1990.
IL NS UFFICIO HA PROVVEDUTO A TALE VERIFICA E RISCONTRATO L'EFFETTIVA VENDITA DELL'IMMOBILE.
HA QUINDI PROVVEDUTO ALL'ANNULLAMENTO DEGLI ATTI CHE VERRA' A BREVE NOTIFICATO AL CONTRIBUENTE.
VORREMMO SAPERE, VISTO CHE NON CI E' MAI CAPITATO DI GESTIRE UNA SITUAZIONE DI QUESTO TIPO (DI REGOLA I CONTRIBUENTI CHIAMANO O SCRIVONO ALL'UFFICIO TRBUTI PRODUCENDO LA RICHIESTA DI ANNULLAMENTO CON RELATIVA DOCUMENTAZIONE SENZA RICORRERE AL RICORSO RECLAMO) SE, PER CHIUDERE IL RICORSO-RECLAMO SENZA ANDARE IN COMMISSIONE TRIBUTARIA, E' SUFFICIENTE NOTIFICARE GLI ATTI DI ANNULLAMENTO SIA AL CONTRIBUENTE, CON RACCOMANDATA A/R, CHE ALL'AVVOCATO DA LUI DELEGATO, RISPONDENDO ALLA PEC CON CUI CI HA NOTIFICATO L'ATTO, O, IN CASO CONTRARIO, COSA DOBBIAMO FARE PER CHIUDERE LA PRATICA BONARIAMENTE.
NELL'OCCASIONE, RINGRAZIO E SALUTO

Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 febbraio 2022

Specifico che il figlio possiede la nuda proprietà dal 1995
Saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 febbraio 2022

Buongiorno Dott. Cava,
una contribuente, proprietaria di diverse aree edificabili è deceduta nel 2016 e i suoi 5 figli hanno fatto regolarmente la successione. Uno dei 5 figli, oltre ad avere una quota di possesso sulle aree elencate nella successione, risulta essere anche nudo proprietario di un’altra area (non inclusa in successione) su cui la madre deceduta aveva l’ usufrutto. Nel 2015 la de-cuius non ha versato l’IMU solo sull’area edificabile di cui era usufruttuaria, e non ha pagato nemmeno l’avviso di accertamento, si chiede: chi deve essere iscritto a ruolo per la riscossione coattiva, tutti gli eredi o solo il figlio nudo proprietario che dal 2017 ha iniziato a versare regolarmente a suo nome?
Grazie
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 febbraio 2022

Si chiede se un regolamento TARI, approvato dal consiglio comunale nel 2021 ma non pubblicato sul portale del MEF sia comunque legittimo - Sarebbe possibile pubblicarlo adesso?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 febbraio 2022

Buongiorno,
stavo valutando le modifiche da apportare ai regolamenti e ho alcuni dubbi per i quali chiedo un parere:

REGOLAMENTO INCENTIVI
Stiamo per portarlo in consiglio per la prima volta e utilizzerò lo schema aggiornato. Ho visto che nel regolamento proposto si parla di incassi IMU e TARI dell’anno precedente. Posso includere pure la TASI?

REGOLAMENTO IMU
Abbiamo approvato il regolamento della NUOVA IMU semplificato nel 2020. Essendo semplificato, alcuni articoli non sono stati riportati. Esempio ho visto che nell’art. ABITAZIONE PRINCIPALE occorre indicare la dicitura “o in comuni diversi” ma noi quell’art. non l’avevamo disciplinato ma abbiamo scelto di applicare la norma originaria.
La stessa cosa vale per Soggetti non residenti nel territorio dello Stato dove si suggerisce di indicare la percentuale del 37,5 limitatamente al 2022. Anche questo art. non era stato disciplinato nel regolamento
Alla luce di ciò Devo per forza portare in consiglio le modifiche o posso evitarlo


REGOLAMENTO TARI
Lo stesso quesito lo pongo sul regolamento TARI modificato nel 2020. Devo per forza modificarlo per aggiungere la delibera di arera n. 363/2021 e del nuovo metodo tariffario servizio integrato di gestione dei rifiuti (MTR-2). Sarebbe l’unica modifica che dovrei apportare. Posso evitare?

Ringrazio e porgo cordiali saluti

Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

15 febbraio 2022

Il nostro ufficio deve procedere alla notifica di avvisi di accertamento a un contribuente persona fisica.
Il contribuente ha nominato un legale che dovrebbe presentare istanza per la gestione della crisi da sovraindebitamento. Il contribuente ha delegato il legale anche a ricevere gli atti che lo riguardano. La notifica degli avvisi di accertamento a nostro parere comunque deve essere effettuata nel luogo di residenza del contribuente. E' corretto il nostro modo di operare? Si chiede inoltre se la gestione della crisi da sovraindebitamento riguarda anche i tributi locali. Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

15 febbraio 2022

L'amministrazione ha apportato un aumento del 30% alle tariffe del canone unico a partire dal 2022 (non venivano variate dal 2007). Si possono aumentare senza problemi o dobbiamo tenere conto di qualche coefficiente/tariffa standard o percentuale da non superare? In caso, entro il 31/03/2022 vanno riapprovate?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

14 febbraio 2022

Immobile di categoria D1 in zona industriale- artigianale pignorato e inagibile , chiuso da anni, di proprietò di una SNC.

Imu dovuta al 50% dalla società fino alla data di trasferimento del bene. L'Ufficio ha emesso negli anni accertamenti Ici e Imu, alcuni dei quali a ruolo.

Si chiede se a fronte delle osservazioni del rappresentante legale di oggettiva difficoltà derivante dalla sospensione dell'attività e dal pignoramento del bene con gestione del'IVG , culminata nella vendita dello stesso, vi siano pronunce giurisprudenziali in relazione a una possibile sospensione dell'imposta dovuta, o delle sanzioni applicate.
Interrogando la visura attuale emerge l'annotazione

PIP-___-(CAT.PARIFICATA ALLA D/10) piano: T lotto: RR;
Qual'e la valenza di detta annotazione?
Si ringrazia
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

11 febbraio 2022

Buongiorno, nel nostro comune una serie di abitazioni sono state dichiarate inagibili dai vigli del Fuoco, l'Ente ha emesso un ordinanza di sgombero per le persone che vi risiedono.
Per andare incontro a queste persone l'Ente vorrebbe, con Delibera di C.C., sospendere totalmente l'imu e la Tari fino a che non sarà, se possibile, ripristinata la situazione.
E' fattibile una tale sospensione?
SI parla addirittura di abbattere le abitazione in quanto pare che quella zona sia ad altissimo rischio idrogeologico.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

11 febbraio 2022

Con riferimento all'oggetto, premettendo che il ns. Comune è il solo gestore delle tariffe e riscossione della Tari e che il servizio di raccolta rifiuti è affidato ad un ente esterno che procede alla redazione del Pef "grezzo", siamo a chiedere se è corretto che l'ufficio tecnico comunale proceda alla validazione dello stesso, nel rispetto della richiesta di terzietà da parte dell'Arera.
Ringraziamo anticipatamente
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

10 febbraio 2022

Questo Ufficio ha emesso gli avvisi di accertamento IMU e TARI 2015 nel dicembre 2020, molti di questi risultano non pagati, il sollecito ad adempiere al pagamento va inviato ,anche con lettera semplice, dando un determinato tempo (noi abbiamo stabilito 20 giorni), trascorso il termine formiamo il tracciato per il ruolo coattivo da inviare all’Agenzia delle Entrate.
1) Si chiede se la procedura sia corretta, nonostante sia trascorso già un anno dalla notifica degli avvisi di accertamento esecutivi;
2) gli oneri della riscossione vanno inseriti nel tracciato del ruolo coattivo da inviare ADER?

Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.
  • 9
  • 10
  • 11(current)
  • 12
  • 13
Banca dati quesiti pubblici
Quesiti resi pubblici
Accedendo al portale è possibile consultare oltre 3.000 risposte a quesiti che gli Uffici tributi hanno posto a Finanza Locale, con modalità di ricerca, anche per tematiche, semplici e immediate.
Quando la normativa genera più quesiti su una particolare fattispecie o quando il quesito sollevato è ritenuto di specifico interesse per il tema affrontato, Finanza Locale rende pubblico il quesito e  il relativo parere.
Le domande sono rese pubbliche in forma spersonalizzata senza, quindi, indicare il comune che ha posto il quesito.
Finanza Locale Management S.r.l.

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01541190508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Finanza Locale Partnership S.r.l

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01629890508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Ultimi Tweets da @FinanzaLocale