Loading..

Banca dati quesiti

Cerca

28 dicembre 2022

Un contribuente presenta domanda per usufruire dell’esenzione IMU ex art. 1 comma 707 Legge 147/2013 per l'immobile posseduto dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia, in data settembre 2020. L'ufficio accoglie l'istanza e dà regolare comunicazione in merito.
A dicembre 2022 lo stesso contribuente presenta domanda di rimborso IMU per le annualità 2017-2018 e 2019 adducendo come motivazione proprio il fatto di godere tale esenzione anche per le 3 annualità precedenti. Di dovrà procedere al rimborso o tale esenzione dovrà essere riconosciuta solo per l'anno 2020?
Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

21 dicembre 2022

Poniamo alla vs cortese attenzione il seguente quesito:
abbiamo effettuato accertamenti IMU 2017 2018 ad eredi di un contribuente deceduto (inviando all’indirizzo del de cuius e agli eredi), quasi tutti gli eredi hanno già pagato le somme dovute in quota parte, abbiamo però inserito erroneamente un individuo nell’atto che ci ha fatto ricorso.
Possiamo annullare l’atto in autotutela solamente a quest’ultimo senza annullare l’atto nel suo complesso?
Possiamo comunque annullare l’atto in autotutela senza convocare il contribuente o dobbiamo effettuare tutta la procedura del ricorso mediazione?
Non siamo esperti in questo campo, perché siamo un piccolo comune e non ci capitano quasi mai casi del genere e per la somma esigua da riscuotere non ci conviene farci assistere da un legale.
Rimaniamo in attesa di un cortese riscontro.
Distinti saluti e auguri di buone feste.
Maura Rossi
Ufficio tributi
Comune Castiglione d'Orcia (Si)
Tel: 0577 884033
e-mail: [email protected]
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

19 dicembre 2022

Buongiorno rag. Cava, con riferimento ad una attività commerciale, la DUUAP, la Dichiarazione Unica Autocertificativa Attività Produttiva, può sostituire la dichiarzione TARI?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

16 dicembre 2022

Buongiorno,
un d10 può essere sede di agriturismo?
I proprietari di un agriturismo presente sul nostro territorio catastalmente sono proprietari di terreni agricoli e 2 d10 per i quali non versano giustamente imu in quanto agricoltori.
Ma catastalmente non hanno altri immobili se non questi 2 d10. E' possibile esercitarvi l'attività di agriturismo?
Ringrazio e porgo cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

15 dicembre 2022

Buongiorno,
abbiamo notificato il medesimo atto di accertamento tari al curatore fallimentare come domicilio dell'impresa che in qualità di soggetto coobbligato. dovendo procedere all'annullamento nei confronti del curatore come coobbligato, come possiamo procedere dal momento che l'atto sebbene notificato due volte al medesimo soggetto è sempre lo stesso?
grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

13 dicembre 2022

In riferimento alla risposta ricevuta chiedo due ulteriori chiarimenti:

1) e se il Comune non ha previsto una tariffa specifica , dove dovrei inquadrarli? Pensavo che avendoli classificati come albergo senza ristorante era già una agevolazione rispetto a quelli con ristorante (visto che sono dotati di cucina). Potrei metterli nelle utenze domestiche con tariffa non residenti? Posso far prendere questa decisione alla giunta visto che il regolamento non me lo consente?

2) per quanto concerne l'assimilazione ai rifiuti speciali posso suggerire ai gestori dell'agriturismo di compilare la dichiarazione per l'uscita dal gestore pubblico con l'applicazione della sola parte fissa ed esclusione della variabile?

ringrazio
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

13 dicembre 2022

Sul nostro territorio è presente un agriturismo gestito da un imprenditore agricolo iscritto alla previdenza sociale. Si compone di 4 mini appartamenti dotati ognuno di cucina recuperati dal restauro di fabbricati rurali . Sono stati iscritti a ruolo tanti anni fa (quando io non c'ero), nella categoria "alberghi senza ristoranti" perchè con l'allora amministrazione e l'allora responsabile si era deciso così.
Ora nell'attività è subentrato il figlio (sempre agricoltore iscritto alla previdenza agricola) che presenta una istanza di illegittimità a seguito di ricezione della Tassa Tari dell'anno in corso 2022 e cita la sentenza n. 1162 del 11/02/2019 e la sentenza del TAR Lombardia del 06/05/2015 n. 628. Chiede di non equiparare la sua attività a quella alberghiera.
Chiedo se è illegittima l'attribuzione della categoria "alberghi senza ristoranti" e in questo caso, se il contribuente dovesse avere ragione come dovrei inquadrare questa attività? Per completezza aggiungo che il nostro regolamento non prevede esenzioni particolari.
Ringrazio anticipatamente e porgo i più cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

12 dicembre 2022

Buongiorno rag. Cava,
in caso di dichiarazione di cessazione delle utenze ai fini TARI, cortesemente si chiede con riferimento particolare alla cessazione della fornitura elettrica, quale documentazione il contribuente deve allegare: ovvero se e’ sufficiente la documentazione comprovante la chiusura del contratto con X fornitore di energia elettrica o se invece è necessario allegare la documentazione rilasciata dal distributore locale.
Grazie mille
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

12 dicembre 2022

Gent.mi abbiamo ricevuto in questi giorni, una pratica SUAPE per la cessazione di una ditta nostra contribuente. Nel modello SUAPE è stata riportata la data di cessazione relativamente al 31.12.2012 e il consulente che ha istruito la pratica, ne ritiene valida la totale retrattività. In data marzo di quest'anno e successivamente ad ottobre di quest'anno è stata notificata un'ingiunzione di pagamento tares 2013, TARI 2014 E 2015, già notificata in precedenza con gli atti di accertamento emessi nel 2018 per tutte e 3 le annualità richieste sia alla ditta (irreperibile) che alla titolare che solo quest'anno abbiamo rintracciato. La domanda che poniamo è se un'azienda può cessare retroattivamente al 2012 come dichiarato, azzerando cosi tutte le pretese debitorie nei suoi confronti e senza aver mai fatto istanza di cessazione all'ufficio per i relativi tributi dovuti.
Grazie cari saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

08 dicembre 2022

Gent. alla luce della sentenza di ottobre 2022 della Cassazione n. 209 è corretto riconoscere ai coniugi contribuenti il diritto di scegliere quale delle due abitazioni esentare? Nello specifico il marito ha la residenza da noi nel nostro comune e la moglie in un altro, la famiglia come nucleo risiede dove ha la residenza la moglie.
Grazie Cari Saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

07 dicembre 2022

Il contribuente intende presentare la dichiarazione IMU, indicando quale tipologia di immobile il codice 7.
Per usufruire della relativa esenzione/ agevolazione sui bene merce, si dovrebbe aggiungere nelle annotazioni la precisazione che i beni non sono locati? Oppure dovrà produrre ulteriore documentazione a sostegno dell'agevolazione richiesta?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

06 dicembre 2022

Buongiorno,
Di seguito un quesito per cui l’Ente avrebbe bisogno di delucidazioni.
Il caso riguarda un’impresa di costruzioni che nel 2007 ha venduto, con compravendita sottoposta a condizione sospensiva, n. 3 sub.
La condizione sospensiva è dovuta al fatto che gli immobili sono reputati di interesse in materia di beni culturali e del paesaggio, quindi la Regione Sardegna ha diritto di prelazione da esercitare in un tempo di 60 giorni.
Il diritto non è stato esercitato e gli acquirenti hanno preso pieno possesso degli stessi secondo le condizioni della compravendita.
Dal punto di vista burocratico, però, la situazione in catasto è rimasta immutata con i sub iscritti attualmente tra le titolarità dell’impresa costruttrice.
Questo perché gli acquirenti, scaduti i termini della prelazione, avrebbero dovuto far redigere dal proprio notaio un atto di avveramento della vendita a proprio favore, a cui invece non hanno mai provveduto.
L’impresa di costruzioni continua a essere accertata per i sub che di fatto ha venduto, poiché i suoi versamenti tributari ovviamente non includono le somme relative a questi.
L’impresa è seguita da uno studio tecnico di geometri che ci informa che, oltre a sollecitare che venga fatto questo atto di avveramento della vendita da parte degli acquirenti, non può intervenire in altro modo.
Inoltre a 2 dei 3 acquirenti ora è stato pignorato l’immobile, per cui, così ci è stato riferito, avranno ancora meno interesse a pagare un notaio per redigere l’atto.
Il contribuente vorrebbe sapere come può bypassare l’inerzia degli effettivi proprietari, provando la loro titolarità dei sub e ottenere contestuale aggiornamento in catasto.
Di conseguenza, l’Ente vorrebbe capire come agire sia per i provvedimenti già emessi (cosa sia necessario richiedere per procedere al loro annullamento) sia per l’attività accertativa futura (che potrebbe doversi confrontare con altre similarità), poiché il catasto rimane la fonte di informazioni a cui attingere per calcolare le competenze IMU.
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.
  • 11
  • 12
  • 13(current)
  • 14
  • 15
Banca dati quesiti pubblici
Quesiti resi pubblici
Accedendo al portale è possibile consultare oltre 3.000 risposte a quesiti che gli Uffici tributi hanno posto a Finanza Locale, con modalità di ricerca, anche per tematiche, semplici e immediate.
Quando la normativa genera più quesiti su una particolare fattispecie o quando il quesito sollevato è ritenuto di specifico interesse per il tema affrontato, Finanza Locale rende pubblico il quesito e  il relativo parere.
Le domande sono rese pubbliche in forma spersonalizzata senza, quindi, indicare il comune che ha posto il quesito.
Finanza Locale Management S.r.l.

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01541190508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Finanza Locale Partnership S.r.l

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01629890508 e-mail: [email protected] | tel: 050/877143

Ultimi Tweets da @FinanzaLocale