Loading..

Finanza Locale

Sviluppiamo le potenzialità della Pubblica Amministrazione

Banca dati quesiti

Cerca

03 ottobre 2019

La locale cantina ha (dal 2018) circa 7000 metri quadrati di superficie coperta (escludendo silos), attualmente stanno pagando la Tari per circa 3000 MQ. Alla nostra richiesta di adeguare la superficie tassabile con regolare denuncia, hanno presentato una lettera in cui sostengono che le superfici operative (sale di lavorazione e coperture varie) sono da considerare escluse. Poiché l'ufficio sostiene che tali superfici siano da considerare tassabili in quanto calpestabili, vorremo un vostro autorevole parere. Grazie.
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

02 ottobre 2019

Dovendo notificare gli avvisi di accertamento IMU anno 2014 a contribuenti deceduti, si chiede se debba applicarsi la procedura di cui all’art. 65, D.P.R. n. 600/1973 (notifica impersonale e collettiva agli eredi del de cuius) alle seguenti fattispecie:
a) E. SALVATORE: Contribuente deceduto il 26.11.2014; dichiarazione di successione presentata;
b) E. IGNAZIO: Contribuente deceduto il 04.08.2009; dichiarazione di successione non presentata;
c) E. ANTONIO: Contribuente deceduto il 16.03.2015; dichiarazione di successione presentata.

Ringrazio anticipatamente.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

26 settembre 2019

Abbiamo ricevuto da un contribuente un ricorso presso la Commissione Tributaria avverso avviso di accertamento IMU senza l'indicazione del reclamo/mediazione.
Ci chiediamo se comunque il ricorso produca in automatico gli effetti del reclamo, sebbene non sia presente nessuna proposta di mediazione.
Il nostro parere è che il ricorso sia assolutamente infondato e se quindi siamo tenuti comunque a rispondere al contribuente valorando la nostra tesi di assoluta fondatezza del provvedimento o se sia opportuno attendere la fase del giudizio, depositando la nostra costituzione in giudizio presso l'adita commissione.
In attesa di riscontro si porgono cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

25 settembre 2019

Sto predisponendo gli accertamenti tasi 2014.
Ho un dubbio sui codici tributo: è giusto utilizzare il 3961 sia per la Tasi versata sulle abitazioni principale che quella versata sugli altri immobili?
Ringrazio e porgo cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

25 settembre 2019

Buongiorno, ho un quesito un pochino complesso da esporre:
Parto dal nucleo familiare composto da papà + mamma + sorella A + sorella B.
La sorella A nel 2010 acquista al 100% un immobile dove ci va a vivere insieme ai suoi genitori.
Nel 2017 cede la proprietà del 50% al papà e allo stesso cede pure il 50% di usufrutto (a lei resta il 50% della nuda proprietà). La nuda proprietaria (sorella A) emigra in altro comune ma per il papà è abitazione principale e quindi non versa IMU.
Nel 2019 il papà muore e lascia un testamento (che viene integralmente riportato nell'atto di successione) nel quale lascia alla moglie l'usufrutto del 50% dell'immobile e alla sorella B la nuda proprietà del 50%. La sorella A viene esclusa dal testamento in quanto a lei resta il 50% di proprietà.
Ora L'imu chi deve versarla?
Provo a rispondermi: la sorella B non deve versare il suo 50% perchè è nuda proprietaria e poichè l'usufruttuaria è la mamma dimorante nell'immobile non deve versare neppure lei.
Ma la sorella A (che in occasione della successione ha effettuato il ricongiungimento della nuda proprietà con l'usufrutto che aveva concesso nel 2017 al padre) è tenuta al pagamento del suo 50% ?
ringrazio anticipatamente e porgo i più cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 settembre 2019

Faccio seguito al corso tenuto a Milano il giorno 19/09/2019 al quale ho partecipato.
Vorrei conferma di aver compreso bene l'iter di notifica nei fallimenti.
Mi riferisco ai fallimenti veri e propri: dopo aver ricevuto la richiesta di insinuazione al passivo, emetto tutti gli avvisi di accertamento eventualmente dovuti e li notifico sia alla società che al curatore fallimentare. A questo punto, come Lei ha detto, devo aspettare.
Per prassi, dopo l'emissione dell'accertamento attendo 60 giorni per considerare l'atto esecutivo. Dopo qualche mese faccio comunicazione di iscrizione a ruolo (ovviamente sui non pagati) e dopo qualche mese ancora mando il ruolo coattivo all'Agenzia delle Entrate Riscossione.
La domanda è: gli atti notificati a seguito di fallimento possono seguire questo iter o devo escluderli?
Ringrazio e porgo cordiali saluti.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

24 settembre 2019

Buongiorno,
questo Ente sta valutando la possibilità di sostituire, per la spedizione di tutta la corrispondenza, le Poste Italiane con una società privata. Mi conferma che ai fini della notifica degli atti di accertamento imu/tasi/tari è valida anche la notifica delle raccomandate fatte da un corriere privato?
Mi è stato detto che per quelle raccomandate non ritirate è il comune che dovrà farsi carico di conservarle e attendere il ritiro. Se non dovesse avvenire, è il comune stesso che ne applica il timbro per compiuta giacenza.
Chiedo, gentilmente, conferma della correttezza e validità di questo tipo di notifica.
Cordiali saluti
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

23 settembre 2019

In fase di verifiche sui versamenti IMU 2015 è emerso che un contribuente ha pagato meno IMU rispetto al dovuto quantificato moltiplicando l’aliquota per il valore (n.mq x valore a mq deliberato dalla Giunta Comunale per quella specifica zona urbanistica). Nell’anno 2005 il contribuente aveva presentato una dichiarazione ICI indicando il valore delle aree edificabili che risulta essere pari circa alla metà del valore calcolato secondo la deliberazione della Giunta Comunale di cui sopra. Il regolamento comunale prevede che “i valori venali in comune commercio vengono determinati periodicamente e per zone omogenee attraverso una deliberazione di Giunta Comunale. I valori approvati dall’Organo deliberante valgono fino a successiva formale modifica o variazione e costituiscono limite per l’attività di accertamento svolta dall’ufficio preposto, tenuto a procedere soltanto in presenza di versamenti inferiori rispetto a quelli dovuti in base alla applicazione dei valori deliberati per ciascun anno di imposta. I valori delle aree fabbricabili deliberati, si intendono applicabili per gli anni successivi se non modificati”.
Si chiede se sia corretto procedere con l’emissione dell’avviso di accertamento d’ufficio per parziale pagamento dell’imposta. Grazie
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

18 settembre 2019

Buongiorno, dovendo recuperare morosità per gli anni 2014 e successivi, per mancato pagamento canoni concessione box civico mercato, chiedo cortesemente, se possibile, un modello di ingiunzione di pagamento aggiornato per poter recuperare tali somme.

Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

06 settembre 2019

Buongiorno,
i proprietari delle strutture agrituristiche presenti sul nostro territorio intendono presentare un ricorso contro l’ente, in virtù delle due recenti pronunce del Cons. Stato, sez. V, sent. 19.02.2019 n. 1162 e della Cass. civ., sez. V, ord. 11.04.2019 n. 10156, in relazione alla tassa sui rifiuti.
Ritengono che il Regolamento IUC adottato dal Consiglio Comunale rechi un’illegittima equiparazione tra alberghi ed agriturismi, nella capacità di produrre rifiuti e, conseguentemente, nell’applicazione delle tariffe.
A riguardo, il comune ha applicato, per la modulazione delle tariffe, il metodo normalizzato ex dpr 158/1999. Tra le utenze non domestiche, gli agriturismi sono stati collocati nella categoria 16 “Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub”. Questa scelta è stata fatta in considerazione del fatto che la “Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sotto i 5000 abitanti” indica espressamente l’agriturismo nell’elenco delle attività che rientrano all’interno della classe 16.
Per lo stesso motivo, gli alberghi con e senza ristorante sono stati collocati rispettivamente nelle categorie 5 e 6. Si tratta quindi di classi differenti.
Ciononostante, ci chiedevamo se l’ente ha agito correttamente o il suo operato potrebbe essere cassato in un eventuale futuro ricorso da sostenere.
Grazie in anticipo per l’attenzione.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

06 settembre 2019

Buongiorno, nel caso di due coniugi comproprietari al 50% e facenti parte dello stesso nucleo familiare posso notificare l'avviso di accertamento TASI ad un solo comproprietario richiedendogli il 100% della tassa oppure devo comportarmi come con l'IMU ossia ciascuno paga per la sua quota di possesso?
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.

06 settembre 2019

Buongiorno,
all'inizio dell'anno 2019 il curatore fallimentare di una ditta ha presentato la dichiarazione attestante l'avvio della procedura fallimentare con richiesta di un prospetto con i debiti pregressi della ditta.
Ora ho necessità di notificare atti di accertamento tasi 2014 e 2015 e imu 2016. Posso procedere alla notifica degli atti al curatore? e' dalla data di insinuazione nel passivo che devo sospendere gli avvisi di accertamento, giusto?
Parteciperò sicuramente alla giornata di formazione del 19/09 in quanto nel programma ho visto che dedicherà tempo proprio all'attività di accertamento nei confronti dei soggetti falliti
ed altro, materia sulla quale ho parecchie carenze.
Attenzione la risposta al quesito è disponibile solo per gli utenti registrati.Effettua il LOGIN, oppure REGISTRATI per vedere la risposta.
  • 6
  • 7
  • 8(current)
  • 9
  • 10
Banca dati quesiti pubblici
Quesiti resi pubblici
Accedendo al portale è possibile consultare oltre 3.000 risposte a quesiti che gli Uffici tributi hanno posto a Finanza Locale, con modalità di ricerca, anche per tematiche, semplici e immediate.
Quando la normativa genera più quesiti su una particolare fattispecie o quando il quesito sollevato è ritenuto di specifico interesse per il tema affrontato, Finanza Locale rende pubblico il quesito e  il relativo parere.
Le domande sono rese pubbliche in forma spersonalizzata senza, quindi, indicare il comune che ha posto il quesito.
Finanza Locale Management S.r.l.

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01541190508 e-mail: flm@finanzalocale.net | tel: 050/8754055

Finanza Locale Partnership S.r.l

Via Carducci,62 56010, San Giuliano Terme (PI) R. E. A.: PI – 135501 | C.F. e P. IVA: 01629890508 e-mail: flm@finanzalocale.net | tel: 050/8754055

Ultimi Tweets da @FinanzaLocale